Foto dall'Isola (Ecologica)

La situazione emergenziale dei rifiuti a Trani

SVEGLIA TRANESI, STANNO DISTRUGGENDO AMET

Il silenzio del nuovo Amministratore Delegato di AMET

Video a 5 Stelle





Visualizzazione post con etichetta politiche del lavoro e delle imprese. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta politiche del lavoro e delle imprese. Mostra tutti i post

6 set 2013

LO SCEC: UNA FACILE OPPORTUNITA’ PER ESSERE UN PO’ PIU’ RICCHI - di Massimo Raccah



In tempi di crisi succede che qualcuno pensa a come venirne fuori. Quel qualcuno non fa parte dei centri di potere, che invece hanno tutto l’interesse a mantenere la crisi, per poter dare le briciole e farle sembrare pranzi pantagruelici. In tempi di crisi, gente normale, che poi si rivela speciale, ha ideato un piccolo mondo fatto di solidarietà, perché è con la solidarietà, con l’aiuto reciproco, che si affrontano più agevolmente le difficoltà. Diceva Einstein

"Non possiamo  pretendere che  le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.
 La crisi è la più grande benedizione  per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla  notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi  supera sé stesso senza essere 'superato'”.

Ebbene, quelli di ARCIPELAGO SCEC hanno seguito il suo consiglio: hanno contato sulle proprie forze, sulle proprie idee, che sono idee di esperti economisti, per dare un po’ di ricchezza in più alle famiglie; hanno ideato un modo semplice per aumentare il potere d’acquisto dei cittadini e lasciare che la ricchezza rimanga all’interno della città e non si disperda nei centri commerciali, il vero buco nero dell’economia locale. I centri commerciali fagocitano i nostri soldi e non li reimmettono nella nostra città; questo impoverisce la nostra economia locale. E allora interviene ARCIPELAGO SCEC : lo SCEC (Solidarietà ChE Cammina) è un buono gratuito che colma il divario dei prezzi tra la grande distruzione organizzata (i centri commerciali, per intenderci) e il commerciante di città.
A Trani, come a Santeramo, sono già diverse le attività che accettano lo SCEC (l’adesione per il cliente e per l’esercente, ricordiamo, è gratuita); esercenti che hanno fatto loro un’idea semplice, figlia di un concetto semplice: la solidarietà.