Foto dall'Isola (Ecologica)

La situazione emergenziale dei rifiuti a Trani

SVEGLIA TRANESI, STANNO DISTRUGGENDO AMET

Il silenzio del nuovo Amministratore Delegato di AMET

Video a 5 Stelle





31 mar 2012

Trani, "Zero Privilegi Puglia": domenica 1 aprile 3° giornata di banchetti

La Regione Puglia spende 10 milioni di euro all'anno in stipendi e vitalizi e non è un "pesce d'aprile". È proprio per questi ed altri sprechi insensati che domani, domenica 1 aprile, torna sulla banchina del porto di Trani il banchetto M5S per "Zero Privilegi Puglia",  la proposta di legge popolare per dare un taglio ai costi della Casta regionale. A Trani sono già state raccolte 350 firme, 6mila in tutta la Puglia. L'obiettivo è arrivare a 15mila entro luglio per far approdare il testo in Consiglio regionale.

Appuntamento dalle 9.30 alle 19.00 in Via Statuti Marittimi, sulla banchina del porto di Trani. Serve solo un documento d'identità valido e una firma per aderire alla raccolta firme per dimezzare glistipendi dei politici regionali, abolirne vitalizi e liquidazione di fine mandato e altri privilegi.

Per altre info sulla legge date un'occhiata a questo link. Aspettando l'esito della raccolta firme, godetevi questo video e sappiate che in fondo "Zero Privilegi Puglia" ha già vinto.

Ci vediamo allo stadio?


Domenica 1 aprile - partita Fortis Trani-Nardò
articolo su traninews.it
articolo su radiobombo.it

28 mar 2012

La seconda Stella - Politiche Sociali

Occuparsi di politiche sociali vuol dire fare il bene della società.
Quante volte ci si trova a discutere del bene che si può fare al prossimo?
Capita spesso e volentieri di farlo pensando a se stessi, cercando di migliorare la propria vita, pensando che quel che va bene a me vada bene a tutti.
Quando abbiamo scelto di dare il nostro apporto di cittadini alla politica attiva non pensavamo di trovarci in un tale mare magnum di bestie feroci.
Non pensavamo neanche che avremmo dovuto difenderci dagli attacchi degli amici (come se non ne avessimo a sufficienza dai nemici).
Ed insieme, amici e nemici, ci hanno tacciati di incompetenza ed ingenuità, ci hanno accusato di essere dei sognatori, novelli cavalieri senza macchia e senza paura. Ma noi andiamo fieri della nostra naivitè, non siamo certo professionisti della politica ma cittadini.
Cittadini, che hanno deciso di percorrere questa strada con l'entusiasmo e la gioia dei bambini, convinti che si possano risolvere problemi evitando i conflitti, abbiamo scelto di essere esempio di "quel che non si fa" con il nostro "non-programma".
Perché promettere di non fare (e mantenere la promessa) è difficile forse più della promessa di fare, quando fare significa spendere denaro pubblico senza ritegno.
Abbiamo deciso di imbarcarci in promesse ancora più difficili, promesse di fare cose belle e buone, per tutti. Indistintamente.
Questa è la seconda stella. Passate parola.

27 mar 2012

Sta arrivando...


Indovinate da quale città si apre il tour elettorale?

23 mar 2012

Il NON-PROGRAMMA in video

Prima ancora di pubblicare il nostro Programma a Cinque Stelle, per dire quello che faremo, abbiamo deciso di pubblicare, con altrettanto piacere, il nostro NON-PROGRAMMA, per dire quello che NON faremo. A seguire, ogni due giorni pubblicheremo, una Stella alla volta, il Programma delle Cinque Stelle. Il programma, a partire dalle macro sezioni ambiente, acqua, rifiuti, trasporti ed energia, si svilupperà in punti più strettamente legati al territorio, mantenendo come tema di fondo la trasparenza amministrativa e l'integrazione delle misure adottate. Questa è la versione Video del nostro NON-PROGRAMMA. Dura solo 2.38", dategli un'occhiata! ;)

22 mar 2012

La prima stella!


Programmare non vuol dire fare una lista dei sogni o un semplice elenco di cose da fare. Sarebbe troppo semplice.
Vuol dire avere una “visione” di quello che può essere uno sviluppo armonico di una città che porti tutta la comunità a centrare l’obiettivo di un benessere condiviso.
Nessuno deve rimanere indietro. Nessuno deve sentirsi escluso.
Armonico vuol dire che non devono essere privilegiati alcuni settori a discapito di altri perché o si cresce tutti insieme o non si cresce affatto.
Così come armonico non vuol dire – ad esempio – che il traffico è un problema e la mancanza di edilizia scolastica un altro;
che la microcriminalità è un problema e la mancanza di luoghi di aggregazione giovanile un altro;
che se l’asfalto delle nostre strade si deteriora così facilmente non c’entra nulla con il fatto che non avendo una zona industriale degna di tal nome, il traffico commerciale si riversa tutto verso il centro, dove sono concentrate la maggior parte delle attività produttive della nostra città.
Perciò programmare in maniera armonica vuol dire tenere presente che tutta la varietà delle problematiche di una comunità si intrecciano, si intersecano tra di loro e che quindi bisogna cercare di dare delle risposte in maniera organica.
I problemi si risolvono un passo alla volta ma tutti insieme.
Tutti possono e devono dare il loro contributo, tutti possono partecipare e condividere per centrare insieme tale obiettivo.
Utopia???? No!!! altre città italiane, anche in Puglia, hanno cominciato questo faticoso processo di rinnovamento e ci stanno riuscendo.
Possiamo fare molto e questo è il momento giusto. Una buona amministrazione può garantirci i mezzi per raggiungere i nostri obiettivi, possiamo aprire i nostri orizzonti, abbiamo la fantasia per sognare e le capacità per trasformare i nostri progetti in realtà.
Le nostre sfide stanno nello smaltimento dei rifiuti, nella lotta all'inquinamento, nel recupero del patrimonio artistico ed architettonico, nella lotta a tutto ciò che contamina il nostro territorio, nella valorizzazione e nell’incentivo all’impresa ed all’agricoltura ecosostenibili.
Dobbiamo recuperare l'identità dei luoghi, migliorare assieme la qualità della vita, sviluppare la coscienza civica, il senso di appartenenza alla nostra città, un nuovo e più virtuoso stile di vita.
Non abbiamo paura di pensare “in grande”, non abbiamo paura di sognare.

16 mar 2012

M5S - il NON-PROGRAMMA

Prima ancora di pubblicare il nostro Programma a Cinque Stelle, per dire quello che faremo, abbiamo deciso di pubblicare, con altrettanto piacere, il nostro NON-PROGRAMMA, per dire quello che NON faremo.

A seguire, ogni due giorni pubblicheremo, una Stella alla volta, il Programma delle Cinque Stelle.
Il programma, a partire dalle macro sezioni ambiente, acqua, rifiuti, trasporti ed energia, si svilupperà in punti più strettamente legati al territorio, mantenendo come tema di fondo la trasparenza amministrativa e l'integrazione delle misure adottate.

5 mar 2012

Andria, il Movimento 5 Stelle presenta la proposta di legge “Zero Privilegi Puglia” contro i costi della politica regionale

Una proposta di legge contro i costi della Casta regionale. Questa è "Zero Privilegi Puglia", presentata giovedì 1 marzo alle 18.30 nell’auditorium di via Aldo Moro ad Andria. La spiegazione di "Zero Privilegi" ha introdotto l’incontro sulla decrescita con Maurizio Pallante, presidente del "Movimento per la Decrescita Felice".
Circa 90 persone hanno accolto Luigi La Riccia e Paolo Mariani, componenti del comitato promotore di "Zero Privilegi Puglia". Per l’occasione sono state raccolte le prime 55 firme di cittadini andriesi, da sommare alle migliaia già raccolte in altre città della Puglia. Ne sono necessarie 15mila per far approdare il testo in Consiglio.
«”Zero Privilegi Puglia” è frutto di una proposta di cittadini conosciuti via internet», sono le parole con cui La Riccia ha introdotto i punti più importanti della proposta di legge popolare. Il fine è tagliare del 50% gli stipendi dei politici regionali, oltre ad abolire i vitalizi e la liquidazione di fine mandato, privilegi considerati dallo stesso La Riccia «leggi ad uso e consumo personale».
È toccato poi a Mariani meravigliare il pubblico presentando in modo dettagliato le cifre esorbitanti della politica pugliese. Indennità, assegni di fine mandato, assegni di reinserimento nel mondo del lavoro pari a 4.700.000 euro nel 2010 e vitalizi che nel 2011 hanno superato i 12 milioni. «Con “Zero Privilegi Puglia” -ha spiegato Mariani- si possono risparmiare 48milioni a legislatura. I soldi risparmiati con questa iniziativa possono contribuire a migliorare la qualità sociale e culturale della Puglia, ad esempio attraverso l’acquisto di 50 ambulanze, due centri di compostaggio per rifiuti urbani per un milione di abitanti, due case di riposo per 160 persone, 60 assegni quinquennali di ricerca, 40 parchi pubblici per bambini e quattro biblioteche pubbliche». Da marzo a fine luglio, il Movimento 5 Stelle Trani ha organizzato una serie di banchetti in città a cui cittadini tranesi potranno rivolgersi per firmare la proposta di legge.