9 giu 2018

In morte di cimitero

Il Movimento Cinque Stelle di Trani in merito alla notizia apparsa sul portale online TRANIVIVA (https://www.traniviva.it/notizie/cimitero-e-di-nuovo-allarme-degrado/) il 6 giugno 2018, in cui si denunciava lo stato di degrado e di abbandono  di alcuni settori del cimitero di Trani, vuole portare all’attenzione di tutti i cittadini e degli organi di stampa che già in data 09/12/2017, 6 mesi fa, tramite una interrogazione URGENTE inviata al Sindaco, al Presidente del consiglio Comunale, all’assessore al Patrimonio e ai Servizi Cimiteriali ed al Dirigente Comunale, aveva segnalato in maniera dettagliata, anche grazie alle indicazione dei cittadini, le seguenti problematiche e suggerito le relative soluzioni:
  • Situazione di estremo degrado nei campi di inumazione comune dovuta al fango e suggerito un intervento di sistemazione con terreno breccioso;
  • Mancanza di viali tra le tombe;
  • Presenza di tubature rotte che con la fuoriuscita di acqua erano un ulteriore causa della melma e del fango e di ulteriori costi e spreco di un bene primario;
  • Mancanza o insufficienza di aree di parcheggio a discapito della sicurezza e con aumento della pericolosità derivante dal dover parcheggiare sul bordo della strada. In proposito chiedevamo quali soluzioni l’amministrazione avrebbe adottato per ovviare a tale disagio.

Le nostre istanze e interrogazioni vengono puntualmente ignorate mentre l’amministrazione comunale è attenta alle istanze dei cittadini solo quando queste hanno risonanza mediatica.
Non crediamo che questo modo di governare la città sia nell’interesse dei cittadini: Preoccuparsi solo della cattiva propaganda che la mala gestione dei beni pubblici provoca alcune volte e limitarsi ad intervenire in modo sporadico con opere e sistemazioni provvisorie senza mai farsi carico di soluzioni definitive o durature con un aggravio di costi per la comunità è mettere una toppa più piccola del buco e dimostra l'incapacità di questa amministrazione di avere una visione lungimirante e a lungo termine.

Sarà ora di recitare il de profundis?

Le portavoce M5S Trani
Luisa Di Lernia e Antonella Papagni